Antropologia spicciola

Sabato sera ore 23.20, ambulatorio di guardia medica.
Il paziente entra e dice che ha la tosse e tanto catarro.
Chiedo da quanto tempo.
Da una decina di giorni.
È andato dal suo medico di famiglia?
No.

Come mai decidi di venire un sabato sera in ambulatorio di un medico che non è il tuo e che non hai mai visto in vita tua, quando è da dieci giorni che stai male? Eri a cena fuori e dopo il grappino hai detto ma sai che, faccio un salto dal dottore già che ci sono. Come mai non sei andato ieri o tre giorni fa? Hai aspettato dieci giorni, puoi aspettare undici e andare poi lunedì dal tuo dottore o venire in ambulatorio della guardia la domenica mattina ad un orario un po’ più “normale”. Perché vieni ora, a quasi mezzanotte?

PERCHÉ?

Mercoledì sera ore 22.55, chiamata alla guardia medica.
La paziente ha diarrea.
Da quattro giorni.
Quattro.
Ha chiamato il suo medico di famiglia in questi giorni?
No.

Cosa è successo alle 22.55 di questo mercoledì fatidico, al tuo quarto giorno di diarrea, per decidere ci cercare il numero della guardia medica e chiamare? Come mai non un’ora prima? Come mai non il pomeriggio o la mattina successiva? Perché chiami me adesso e non hai chiamato il tuo medico di famiglia in uno qualsiasi dei giorni precedenti durante i quali stavi male?

PERCHÉ?

Come questi, decine e decine di altri esempi, ogni giorno potrei farci due o tre post sulle perle che si sentono in guardia medica. O dal medico in generale. Ma questa è un’altra storia. Sono però genuinamente incuriosita dal comportamento delle persone, ho veramente interesse nel cercare di capire come ragiona la gente, come mai prendono una decisione piuttosto che un’altra, qual è il loro processo logico, cosa gli passa nella testa. Perché mi chiami alle quattro del mattino dicendomi che è da una settimana che non fai la cacca (true story). PERCHÉ??? Tralasciando il fatto che mi posso sfavare a mille perché dormivo e mi hai svegliato, e non è che mi hai svegliato per un’urgenza o qualcosa di importante, mi hai svegliato per una minchiata. Tralasciando questo fatto, sono lì a lavorare, è giusto così. Quello che voglio sapere con tutta me stessa, ma lo voglio sapere sul serio eh, non mi sto lamentando o che, sto proprio cercando di dare un senso a questo mio mestiere, a questa nostra vita, quello che mi piacerebbe sapere è, PERCHÉ?

La guardia giurata napoletana che sta con me in ambulatorio ha raggiunto la conclusione che a gente nun tiene capa, sta tutta matta. Mi dispiace arrendermi così a questa spiegazione, dopo tutto sono pur sempre una donna di scienza, ma quasi quasi do ragione a lui.

Annunci

11 pensieri su “Antropologia spicciola

  1. La guardia giurata è saggia, condivido il suo pensiero e vedrai che, scienza o no, tra qualche anno avrai un bestiario/stupidario di notevoli proporzioni. Anche io, che sono in un ambito strettamente correlato al tuo, vedo e sento cose che mi fanno dubitare della sanità mentale delle persone 😊

    Liked by 1 persona

  2. Il dottore di mio papà è veramente poco adatto al suo lavoro. Lo chiamo raramente per fortuna e quando capita mi risponde sempre male e spazientito. Io posso capire che ci son persone che chiamano per un nonnulla , ma se ti chiamo raramente vuoi darmi un po’ retta senza usare quel tono. ? Ho parlato con la mia dottoressa e lei mi ha detto di rivolgersi a lei se ho bisogno e mio padre non è un suo paziente. Io ho trovato una soluzione alternativa, altrimenti credo che avrei chiamato la guardia medica all’occorrenza.

    Mi piace

    1. la gentilezza dipende dalle singole persone, qualcuno è più gentile mentre altri (molti purtroppo) lo sono meno.
      la guardia medica è lì all’occorrenza per chiunque e serve per qualsiasi tipo di problema. quello che mi incuriosisce è capire la dinamica: perchè telefonare nel cuore della notte quando avresti anche potuto chiamare qualche ora prima? o addirittura giorni prima! se uno si sente male all’improvviso certo chiami sul momento, ma posso assicurare che il 95% delle chiamate sono tutte cose che possono essere risolte ad orari più consoni. più che altro per la tua stessa salute, tanto io fino a fine turno sono lì, mi cambia ben poco. ma perchè aspettare 10 giorni per una tosse e presentarsi a mezzanotte? avresti portato tuo padre a mezzanotte alla guardia medica con la tosse da così tanti giorni o avresti agito diversamente?

      Mi piace

      1. Le persone son strane, le paure vengono soprattutto la notte, anche i pensieri assurdi. Sono meno lucidi credo. Io non agisco così. Da che son viva sono andata una volta dalla guardia medica consigliata dalla mia dottoressa se persisteva la tosse nel fine settimana e ho chiamato una sola volta perché Miciomao era stato punto da uno scorpione e mi ero spaventata. Poi di solito sono razionale. Come dici tu, se ho aspettato fino ad adesso posso aspettare qualche ora in più e rivolgermi al mio medico

        Liked by 1 persona

    2. come consiglio personale poi: il babbo può molto semplicemente cambiare medico, succede spessissimo ed è giusto così perché ognuno di noi si trova bene con persone diverse e se lui si trova male con il proprio medico è giusto cambiarlo, è la sua vita e la sua salute! ci possono magari essere delle scomodità di lontananza o simili per raggiungere l’ambulatorio ma ti assicuro che ne vale la pena, sarà molto più tranquillo fidati.

      Mi piace

      1. Purtroppo dobbiamo tenerci questo perché è vicino a casa e raggiungibile a piedi , la macchina il badante non ce l’ha e io abito lontano sarebbe un casino dover scendere per andare dal medico ogni volta. Aspettiamo che vada in pensione, non manca molto

        Mi piace

  3. Secondo me sta tutto nella soglia di sopportazione del dolore. Uno aspetta che gli passi per non andare dal medico, fare file, perdere tempo, ma non passa, poi di notte il dolore si percepisce più intensamente ed è a quel punto che si varca il limite e scatta la chiamata di soccorso per qualcosa che si sarebbe potuto risolvere ben prima. Pigrizia insomma.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...