Mese: luglio 2016

“Se un gatto nero ti attraversa la strada, significa che sta andando da qualche parte”

Ho letto questo libro che mi ha fatto pensare molto.
In una delle prime pagine viene chiesto al lettore: hai 2 anni liberi con soldi illimitati a disposizione, 24 mesi durante i quali non ti devi preoccupare del lavoro, delle bollette, puoi fare quello che vuoi, quello che veramente vuoi fare, senza nemmeno preoccuparti di quello che pensa la gente o la famiglia, e allora, che fai?
Mi sono bloccata a pagina 6. Le possibilità llimitate di quei 730 giorni mi hanno lasciato spiazzata.

L’altro giorno uno dei miei colleghi, Gigante, parlava di voler cambiare vita, di fare un salto di qualità, di guadagnare di più e vivere meglio. Era però in difficoltà, non sapeva di preciso cosa voleva essere. Non sapeva chi voleva essere. Ha detto: pensa a qualcuno che secondo te ha successo e una bella vita, qualcuno con cui scambieresti la tua vita all’istante. Ma devi prendere tutta la sua vita, non solo le cose che preferisci, tutta, bene e male, tutta la sua quotidianità, la sua famiglia, il suo conto in banca e la sua sveglia la mattina, gli straordinari al lavoro e l’abbonamento della tv, tutto, pure il cane e lo spazzolino, tutta la sua vita in blocco così come è. E allora, lo faresti? Ha detto: se c’è anche solo una cosa che non ti piace della sua vita, tieniti la tua, così la puoi cambiare come meglio preferisci rimanendo te stesso.

Poi a pagina 9 il libro dice: se c’è qualcosa che vuoi fare, adesso è un buon momento per cominciare. Ecco 4 motivi:
1- Perchè puoi.

E allora scrivo.