Programmo la fuga

on my way to myself

Una canzone per te

3 commenti

A volte la vita ti si presenta con una colonna sonora strabiliante. Senza nemmeno farlo di proposito può infatti capitare di sentire la canzone giusta al momento giusto nel posto giusto. 

È un po’ quello che mi è successo ieri, nel momento preciso in cui l’aereo ha toccato la pista dell’aeroporto di Birmignham. Dalle cuffie, nello stesso istante, con l’iPod in modalità casuale, è partito Freddy Mercury, Living on my own. M’è scappata una risatina. Sono incline a fare queste figure, se mi vedete che a un certo punto, senza motivo, sorrido o rido, è normale, tranquilli. La signora seduta accanto a me mi ha chiesto “Happy to be home?”. Le ho detto che se anche non ero a casa ero contenta lo stesso. 

Annunci

3 thoughts on “Una canzone per te

  1. Da dove si deduce che l’happiness di un ritorno a casa è sentimento internazionale.
    Anche se per te – in quel momento – valeva il contrario e il tuo sorriso era frutto di casualità.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...