Programmo la fuga

on my way to myself

Smetti di fumare che ti fa male!

3 commenti

Ho smesso di fumare un anno e mezzo fa, dopo circa dieci anni di onorato servizio alle dipendenze della nicotina. Mi sentivo un tantino in difficoltà con i pazienti “Deve smettere di fumare!!!!! … Aspetti un secondo eh, vado a far due tiri e poi proseguiamo la visita”. I medici che fumano sono più di quelli che pensate, nascosti negli anfratti dell’ospedale, appoggiati ai muri delle uscite secondarie, rannicchiati dietro le ambulanze, lì dove i ranghi non esistono più, dove inservienti e infermieri diventano i tuoi migliori amici, perché alle quattro del mattino con il delirio in sala di attesa e altre sirene che si stanno avvicinando, chi cazzo se ne frega che laurea hai preso o se nemmeno ce l’hai, nessuno è il capo di nessuno, hai solo bisogno di quei cinque minuti di polmoni catramosi, quelle tre parole in croce con i tuoi migliori amici, che ti capiscono e ti appoggiano, e che mai e poi mai ti verranno a dire “sarà l’ora di smetterla di fumare o no?”.
Non tutti i medici che fumano si nascondono come lebbrosi però, alcuni sono sfacciatamente incuranti verso qualsiasi tipo di condotta anche minimamente decente. Il mio medico di famiglia per esempio fuma la sua pipa mentre ascolta i pazienti lamentarsi, una volta l’ho anche visto offrire una sigaretta ad un’assistita e solo cinque minuti dopo, auscultandole i polmoni, esclamare “Quante volte te lo avrò detto che devi dire addio alle sigarette!”.
Il mio personale DrHouse, idolo indiscusso della medicina interna di Firenze, ha avuto il suo periodo di sigaretta elettronica, camminavi in reparto seguendo la scia di vapore profumato. Un giorno l’ho visto sedersi sul letto di un paziente con BPCO, gli ha messo una mano sulla spalla e gli ha detto “su che da domani smettiamo tutti e due di fumare, insieme ce la possiamo fare. Senta, intanto che me la offre una sigaretta per bene? Questo coso elettronico fa cahare”.
Non è che lo facciamo apposta, non vogliamo sembrare ipocriti (anche se quasi sicuramente è questa l’impressione), è che ci ritroviamo in questo ruolo in cui vi dobbiamo dare dei consigli, a volte anche con tono dittatoriale, e lo facciamo per il vostro bene, ma siamo umani anche noi, cediamo a questa e altre debolezze. Lo sappiamo molto bene che fumare fa male, forse anche meglio della maggior parte delle persone, non c’è praticamente malattia che non abbia tra i fattori di rischio il fumo. Ma dopo che hai finito di studiare il carcinoma polmonare, ti prende così tanta ansia che devi uscire un attimo e fumarti per lo meno quelle due sigarette di fila per calmarti.

Ho imparato che è preferibile dire “se non fumasse sono sicura che dopo un po’ si sentirebbe meglio”, perché non sta a me dirvi cosa dovete o non dovete fare, e perché so che quei primi giorni senza nicotina sono difficili, così difficili che rinunci alla svelta a lottare.
Non chiedetemi come sono riuscita a smettere, non ci sono segreti, smetti e basta. Smettete anche voi. Se non ci riuscite però non siate severi con voi stessi, siate semplicemente consapevoli che fa molto molto male (molto), più di quanto possiate immaginare, e che magari è vero, di qualcosa si dovrà pur morire, ma basta poco per avere la possibilità di stare meglio, basta veramente poco.

Annunci

3 thoughts on “Smetti di fumare che ti fa male!

  1. Vorrei smettere anche io, e mettere da parte i soldi che avrei speso per le sigarette per poi farmi tanti viaggetti durante l’anno.
    Hai fatto davvero un bel passo!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...